#BootlegConsiglia: “Pranzo Rock In Via Trieste” de Il TIPO DI JESI

Oggi la recensione – consiglio di Bootleg, a cura di Leslie Fadlon riguardaIl Tipo di Jesi ed il suo disco ‘‘Pranzo rock in via Trieste”E’ un lavoro rock dal gusto intenso quello del cantautore Tommaso Sampaolesi, classe 1986, nato e cresciuto a Jesi, provincia di Ancona. E la sua è una vocalità che non nasconde una certa ispirazione grunge, ben mescolata a sonorità indie/pop e a basi elettroniche che rendono la sua musica – nel complesso – raffinatamente alternative rock.

Nel disco, ”Pranzo rock in via Trieste”, si sente bene la sofferenza di chi, però, vive allo stesso tempo un senso di compiacimento rispetto al calore e allo squallore della provincia. Voce e sonorità si accostano nella mente dell’ascoltatore alla musica dei giovani Verdena; l’autore mette di suo anche l’esperienza da cantante, chitarrista e compositore dei .cora, che ha lasciato nel 2016 raccogliendo il materiale scritto negli anni per farne un disco da solista. Il tipo di Jesi ha affidato la produzione di questo disco a Davide Lasala dell’EDAC Studio di Fino Mornasco (CO) – già a lavoro con Edda, Dellera, Paletti, His Electro Blue Voice.

Ed ecco che è nato un album ricco di richiami differenti, tra ispirazioni grunge ed influenze che partono dai Beatles, passano per Neil Young per arrivare fino ad Elliott Smith e Flaming Lips, senza escludere i nostri Rino Gaetano e Lucio Dalla e un certo cantautorato italiano contemporaneo.

Sui palchi Il Tipo di Jesi alterna concerti da solista con soli chitarra acustica e mellotron a veri e propri live rock, accompagnato da Francesco Coltorti (chitarra acustica e voce), Federico Giansanti (tastiere e synth), Giuseppe De Vivo (basso) e Marco Bucciarelli (batteria, samplepad).

Il disco si apre con la title track, che sfreccia con delle sonorità vivaci e taglienti, parlando di un attesa e di un appuntamento, mescolando lyrics in inglese e in italiano. Il secondo brano è stato scelto anche come singolo ed è ‘Masturnazione’, pieno di condizionali sulla possibilità di un’eccitante quanto necessaria fuga; ‘In fondo al letto‘ è una ballata molto dark, un confronto sull’assenza e sull’amore dal sottofondo elegantemente composto da archi. Prende avvio con chitarra e batteria ‘La canzone col piano’, rockeggiante e romantica, mentre ‘Il fiume in pancia’ distorce le chitarre elettriche e associa tamburi che ritmano con forza il canto di una solitudine che vuole essere colmata. Procediamo con tranquillità verso ‘Tione, la nebbia, le montagne, tu’ che tra visioni del mare e di vie cittadine narrano un sogno e una speranza ”vedrei tutto in positivo se avessi te’. L’intro di ‘Tutto a posto a Land’s End’ ci fa intuire subito che questo è uno dei brani più punk del disco: un brano sulla fine del mondo, quella che porterà il tramonto più bello. La traccia numero otto si intitola ‘Caos a colazione’ ed ha un gusto molto anni ’90, mentre canta di gente che decide di abbandonare il luogo caro all’artista, Jesi, sperando però in un ritorno. La sensazione della calma pacata ma oscura che si trova un po’ in tutto questo disco viene celebrata nell’ultima traccia di Pranzo Rock In Via Trieste”: ‘Mi piace quando piove e non c’è rifugio’. Un pezzo estremamente dolce, nella sua tormentata carenza di luce. E’ un calore che si insinua in maniera sottile e che ha un colore freddo quello proposto dalla musica de Il Tipo di Jesi, un artista che sembra promettere tantissimo alla scena più giovane dell’alternative rock nostrano, in questi ultimi tempi leggermente privo di vigore.

Beh, siete pronti a questo pranzo rock?

Ascolta l’album “Pranzo Rock In Via Trieste” su Spotify:

 https://spoti.fi/2GfbRsw

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: